Name

Agnieszka Kurek

About

Agnieszka Kurek,
artista polacca nata a Cracovia il 01 giugno 1984, dopo gli studi superiori ha proseguito
quelli universitari di arte e pittura a Cracovia presso la rinomata Accademia di Belle Arti dove
si elaureata dopo 5 anni, nel 2008. Durante gli studi Agnieszka vince il prestigioso premio come migliore artista contemporanea polacca ed una borsa di studio ad honorem per seguire, presso lAccademia di Belle Arti di Firenze, il percorso triennale di pittura.
L’artista ha partecipato alle mostre personali e collettive tra le cittadi Cracovia, Firenze e Varsavia, dove oltre allesposizione delle proprie opere su tela ha
espresso la sua creativitautilizzando anche nuovi media, come animazioni e videoinstallazioni. Un importante riconoscimento alla sua arte e stato linvito ad esporre alla Biennale dArte Contemporanea di Firenze, a cui ha fatto seguito la Mostra presso il Palazzo
Zenobio di Venezia nel 2013 che ha riscosso un grande successo.
Agnieszka si esprime con la tecnica di olio su tela e la sua arte figurativa ecaratterizzata da colori molto intensi dai toni saturati e dai forti contrasti. I suoi paesaggi si contraddistinguono per la contrapposizione fra il minimalismo delle linee geometriche e rigorose che delimitano spazi ordinati e le tinte dal carattere forte, acceso e istintivo che colloca le sue opere in una bolla tra minimal art, pop e surrealismo. Nei suoi ritratti invece si riscontra quella che si può considerare l' esaltazione dellaspetto
ultra estetico dei soggetti che sfocia poi nelliperreale. Lartista predilige le tele di grande formato che inducono losservatore ad immergersi in una nuova dimensione dai confini non definiti, in cui si perde la distinzione tra il reale e limmaginario.
Nella sua arte esprime linquietudine quotidiana della societa intesa come continua ricerca
della perfezione assoluta che catapulta lobiettivo in una opaca forma dellestetica
uniformata.
Cosinelle opere si osserva liperreale generato dalla perfezione maniacale delle linee e
dei modelli che crea una lillusione di vuoto dato dallassenza dimperfezioni.La continua ricerca del perfezionismo ci ha portato alla standardizzazione della bellezza e di
conseguenza allindifferenza e allincapacitadi cogliere essa stessa
A. Kurek

AGNIESZKA KUREK

Born on 01.06.1984 in Cracow

2008 – degree in Fine Art, from the Jan Matejko Academy of Fine Arts
in Caracow/ POLAND.

2003 – 2008 studied in the field of painting, Academy of Fine Arts in Cracow.

2006 – 2008 studied in the New Media studio, Academy of Fine Arts in Cracow.

2005 – 2007 received scholarship from Painting Faculty of the Accademia
di Belle Arti in Florence/ITALY.

03.2013 – Ehibition at Palazzo Zenobio / Colleggio Armeno Moorat Raphael, in Venice/ItTALY

12.2009 – Exhibition during the Florence Biennale " Biennale Internazionale
dell’Arte Contemporanea a Firenze ".

10.2006 – individual exhibition at ’Salotto Fiorentino’, Florence/ITALY.

06.2007 – individual exhibition at ‘Raven Gallery’, Cracow/POLAND.

12.2007 – videos and installation presented in the ‘Warsaw Artist’s Active/
Warsaw/POLAND.

Methods applicated: oil painting, graphic design, drawing, animation,
videos, installation.

While painting, with the very classical medium of the oil paints, I’m creating an extremely esthetic spaces, situations, recently landscapes, or portraits, or just selected fragments of reality.The world in canvas is described with perfect, precise lines. Colours are always intense, contrasting, and saturated.Ultra esthetic paintings suddenly become minimal with surrealistic poetic. My goal is to approach the analysis of the contemporary anesthetic effect, which reveals whenever the esthetic effect is being reenacted.
The human figure is often depicted fragmentarily. Like in the composition " Magenta, Cobalt Blue, Lemon Yellow ". Where human being hides behind a perfect make-up-paint, appearing too beautiful to be real. However, It’s mouth is always blurring with the background of the skin tone, the eyes stay sharp, expecting to play a game with a viewer. Is it still a human being or just a doll?
The format of my oil paintings has been always important to me.
They are mostly executed in big sizes, having the impact of the unequivocal.